Venerdi 25 maggio 2018 - Estetica e non solo, nella costruzione: la basilica di San Gaudenzio a cura di Luisa Rossi

Edifici antichi ci insegnano come l'uomo-faber fosse attento a costruire monumenti solidi e armoniosi, quasi avesse già dentro di sé un trattato di "scienza delle costruzioni" oltre a un notevole senso estetico. Nel tempo il costruttore si è cimentato nella realizzazione di edifici sempre più complessi, spesso molto eleganti, affrontando notevoli difficoltà. Già in monumenti antichi si trovano "profili" che preludono a regole ormai consolidate, verificate/sperimentate in periodi artisticamente avanzati: si pensi al Palladio e al Rinascimento. La capacità costruttiva, nata da considerazioni di pratica sul campo e legata inizialmente ad una tradizione orale, si trasforma poi in alcune regole intuitive, fino ad essere formalizzata più avanti anche con relazioni matematiche. Le costruzioni diventano sempre più ardite, ma il loro valore è sempre legato al senso estetico e alle emozioni che ne derivano.